Rimetti le cose tue nell’Eterno

Proverbi 16 : 3

Rimetti le cose tue nell’Eterno, e i tuoi disegni avran buona riuscita.

Questo breve versetto tratto dal libro dei Proverbi, esorta l’essere umano a confidare solamente e completamente in Dio. Difatti, consiglia di rimettere le proprie cose nell’Eterno, nell’Iddio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, cioè esorta il credente ad avere fede in Dio e ad affidare nelle sue mani potenti qualsiasi difficoltà o qualsiasi progetto si debba fare. A volte quando vi è una determinata difficoltà o quando si ha in animo di mettere in pratica un determinato disegno, si cade nell’errore di pensare di avere la capacità di superare questo con le proprie forze limitate e deboli e di riuscire a fare tutto da soli e quasi sempre si fallisce nel proprio intento. Il cristiano, invece, deve confidare per qualsiasi cosa nell’aiuto certo di Dio, il quale dall’alto della sua sapienza infinita e col beneplacito della sua volontà sovrana, farà sì che i suoi diletti figlioli in Cristo Gesù ricevano quello di cui hanno bisogno, in accordo col consiglio della sua volontà suprema. Se il credente ha in animo di svolgere una qualsiasi azione, una determinata opera, uno specifico progetto, un desiderio ardente, anche se all’apparenza sembrano difficili da realizzarsi oppure irti di difficoltà, conviene che affidi il tutto nelle sapienti mani di Dio, il quale essendo onnipotente, se la cosa è buona e giusta e procede in accordo con il suo volere, allora ne permetterà sicuramente una buona riuscita. Nessuna cosa è impossibile a Dio e se la persona si rivolge a Dio, affidandosi a lui fiduciosamente e con la certezza che Dio ascolta la preghiera del giusto ed è sempre pronto ad aiutarlo nei momenti di difficoltà o nei suoi progetti, se sono buoni e giusti ai suoi occhi, di certo vi sarà una sicura riuscita. Il credente deve confidare in ogni momento della sua vita nell’aiuto di Dio e di conseguenza mettere nelle sue mani il peso e le difficoltà che incontra nel suo cammino sulla terra, con la fiduciosa attesa che Dio non lascerà mai da solo un suo caro figliolo in Cristo Gesù e quindi non lo abbandonerà mai, ma anzi sarà sempre al suo fianco, permettendogli di superare qualsiasi ostacolo che gli si presenterà durante il suo viaggio di pellegrino e forestiero, in attesa della vita eterna.

Chi ha un cuore pronto all’ascolto della parola di Dio, mediti su quello che la Sacra Scrittura afferma.